Nell’ambito del programma sostenuto da Innosuisse, un primo gruppo di team di innovazione è stato selezionato dal nostro comitato di innovazione. Questi team di innovazione sono tutti impegnati a innovare e ad avere un impatto sulla decarbonizzazione in Svizzera
Leggete i progetti selezionati dal comitato per un finanziamento di circa 18.000 CHF. L’obiettivo di questo finanziamento è quello di esplorare opportunità e mercati in diversi campi. I progetti sono stati selezionati sulla base del loro potenziale di decarbonizzazione e di altri criteri come il team e l’innovazione.

  • Decarbonizzazione dei vestiti da trail running con Revario, sostenuto da Lab Antigaspi e sponsorizzato da Loyco.
    Revario è un’azienda che offre abbigliamento da trail running sostenibile e fatto in Svizzera. I prodotti sono fatti con materiali riciclati (nylon da reti da pesca fantasma e poliestere da PET riciclato post-consumo). Ora, per soddisfare la domanda dei corridori attenti all’ambiente, Revario sta cercando di sviluppare un prodotto più tecnico: una giacca da trail impermeabile.
  • Solarity è sostenuto da Red Lab e sponsorizzato dal comune di Ecublens, dal DGE, dal DIREN e dal Dipartimento dell’Ambiente e della Sicurezza. Solarity mira a costruire una rete di cittadini liberi e volontari che desiderano condividere la loro conoscenza ed esperienza di installazioni solari: gli “Ambasciatori”. Possono essere persone che possiedono pannelli solari o semplicemente appassionati del settore. Questa rete sarà usata come risorsa per aiutare altri cittadini nel loro primo passo verso l’installazione. Gli obiettivi e le sfide di Solarity saranno di reclutare gli ambasciatori e di sostenerli fornendo loro tutte le informazioni pertinenti di cui hanno bisogno o organizzando eventi sociali per incoraggiarli.
  • Lo Sharing City supportato da Red Lab sponsorizzato dal DGE, DIREN e il Dipartimento dell’Ambiente e della Sicurezza.
    La Sharing City è una comunità di tester che permette al mondo accademico di avere accesso a dati di alta qualità per favorire la ricerca nel campo del consumo energetico. Si basa sul principio del volontarismo, proponendo che i cittadini mettano i loro dati di consumo a disposizione della ricerca. Questo comporta, da un lato, informazioni sul consumo direttamente dal loro contatore intelligente e, dall’altro, informazioni da un questionario che permette di identificare il profilo del consumatore. In cambio, il cittadino riceve varie informazioni che gli permettono di confrontarsi con altri consumatori con un profilo simile, informazioni sul suo potenziale per ridurre il consumo di energia e la possibilità di partecipare a vari progetti di ricerca (e quindi di accedere ai risultati).
    Due di queste idee sono venute fuori da un Open Lab Day organizzato dal Red Lab.

Questi progetti saranno presentati più dettagliatamente sulle nostre reti sociali nelle prossime settimane. Accompagneremo i team di innovazione in questo processo di innovazione e siamo già in attesa dei risultati dei loro progetti.

 

Share This